22 maggio 2011
Restiamo umani

Ho passato un pomeriggio dai Padri Comboniani a Rebbio, con il responsabile della Caritas, la presidente delle Acli di Como e gli ospiti: i 17 profughi lì accolti. Un lungo incontro per determinare regole, comportamenti, per conoscere i loro desideri. “Cosa faremo, cosa facciamo”? Queste le domande che facevano alle traduttrici e attraverso esse al responsabile di quella accoglienza. Sono uscito amareggiato e triste: da un lato le richieste di queste persone che desiderano e sognano una… [Leggi il resto…]